Chiudi
Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > I costi eccesivi legittimano l’accertamento
Pubblicato il 19-12-2016 alle 18:50

I costi eccesivi legittimano l’accertamento

I costi eccesivi legittimano l’accertamento

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza 26078 del 15 dicembre 2016, ha affermato la legittimità dell’avviso di accertamento basato sull’attribuzione di un maggior reddito al contribuente in virtù degli eccesivi costi (non dimostrati) indicati.

Nel caso di specie, ad un contribuente si procedeva alla retitifica della base imponibile delle imposte dirette e dell’IVA, chiedendo la dimostrazione dei costi indicati in dichiarazione ritenuti eccessivi rispetto al reddito dichiarato. In particolare, per ciascun anno considerato, i costi ammontavano ad euro:

  • 190.865 e 384.840

e il reddito dichiarato ammontava ad euro:

  • 11.277 e 34.566.

Nel caso descritto l’Amministrazione Finanziaria richiedeva al contribuente di fornire la dimostrazione dei costi in questione, procedendo all’invio di appositi inviti. Difronte all’inerzia del contribuente, l’Ufficio provvedeva ad emettere l’avviso di accertamento. L’avviso di accertamento è stato impugnato dal contribuente, il quale riteneva che le motivazioni dell’Ufficio non fossero sufficienti. Sia il giudice di primo che di secondo grado avevano avallato le tesi del contribuente, ritenendo privo di riscontri l’accertamento a carico del contribuente basato su valutazioni correlata all’insufficienza di costi elevati per giustificare un reddito maggiore in capo al contribuente.

L’Amministrazione Finanziaria ricorreva per Cassazione, lamentando l’inerzia del contribuente dinnanzi agli inviti degli Uffici di fornire i giustificativi dei costi in questione.

Tale avviso è stato ritenuto legittimo dalla Suprema Corte, che ha evidenziato come la prova dell’esistenza e dell’inerenza dei costi in questione da parte del contribuente avrebbe certamente reso nullo l’avviso di accertamento in questione. Tali prove non sono state fornite né in risposta agli inviti degli Uffici né in sede contenziosa.

 

Dettagli:

Pubblicato il:
19-12-2016 18:50
Categoria:
L’evoluzione della Giurisprudenza