Chiudi
Sei in: Home > Il manuale delle Scritture Contabili e del Bilancio > Costi di pubblicità fuori dallo stato patrimoniale
Pubblicato il 28-12-2016 alle 23:00 - PDF

Costi di pubblicità fuori dallo stato patrimoniale

Costi di pubblicità fuori dallo stato patrimoniale

A partire dai prossimi bilanci non sarà più possibile capitalizzare le spese di pubblicità e si dovrà procedere inoltre alla “riclassificazione” di quelli presenti nell’attivo dello Stato patrimoniale. 

Per le spese di pubblicità non si tratta di una vera e propria innovazione; infatti, già i principi contabili (OIC 24) prevedevano criteri stringenti per la loro capitalizzazione. In via generale, l’OIC 24 prevede infatti che le spese di pubblicità devono essere considerati costi di periodo e pertanto iscritti nel conto economico dell’esercizio in cui si sostengono.

La possibilità di capitalizzazione è ammessa al verificarsi congiuntamente delle seguenti condizioni:

  • si tratta di costi eccezionali e non ricorrenti (ad esempio il lancio di una nuova attività produttiva, l’avvio di un nuovo processo produttivo diverso da quelli avviati nell’attuale core business);
  •  sono  relativi ad azioni dalle quali la società ha la ragionevole aspettativa di importanti e duraturi ritorni economici risultanti da attendibili piani di vendita.

Dopo le modifiche del codice civile, ad opera del  D.Lgs. n. 139 del 18.08.2015, pubblicato nella G.U. n. 205 del 04.09.2015, in recepimento della Direttiva 26 giugno 2013, n. 2013/34/Ue, non è più possibile capitalizzare le suddette spese.

Si pone il problema di stabilire come trattare i residui ancora presenti in bilancio.


ESEMPIO

Alfa SRL ha sostenuto nel 2014 spese di pubblicità per € 50.000, ammortizzate nel 2014 e nel 2015 per € 20.000.

La restante parte, pari ad euro 30.000,00, secondo le indicazioni del nuovo OIC 24 potrà essere riclassificata  alla voce BI1 Costi di impianto e di ampliamento, al verificarsi di determinate condizioni; qualora tali condizioni non si verifichino si dovrà procedere alla loro cancellazione dallo Stato Patrimoniale


In caso di cancellazione si dovrà procedere ad una corrispondente riduzione del Patrimonio Netto, come confermato dal nuovo OIC 24.

Riproduzione riservata.

Dettagli:

Pubblicato il:
28-12-2016 23:00
Categoria:
Il manuale delle Scritture Contabili e del Bilancio