Chiudi
Sei in: Home > Le risposte ai Quesiti > Regime di cassa per i semplificati: l'alternativa?
Pubblicato il 15-12-2016 alle 17:36 - PDF

Regime di cassa per i semplificati: l'alternativa?

Regime di cassa per i semplificati: l'alternativa?

DOMANDA

Mi sembra di aver capito che dal 2017 per gli artigiani e commercianti (dandone per scontato il possesso dei requisiti), il regime "naturale" sarà il nuovo semplificato per cassa; non sarà quindi necessario esercitare alcuna opzione preventiva o postuma per accedervi.

Il mio dubbio è questo: Per le imprese che vogliono restare (mi riferisco quindi ad artigiani e commercianti attualmente in regime ordinario per opzione) in contabilità ordinaria, quando deve essere esercitata l'opzione? E' sufficiente il comportamento concludente nel 2017 per poi confermare l'opzione con il quadro VO nel 2018?

Mi è sembrato di capire che il nuovo regime riguarda artigiani e commercianti; e le società di persone? Anche loro sono interessate dal nuovo regime?

RISPOSTA

A partire dal 1/01/2017 in relazione ai soggetti che rientrano nei limiti dimensionali delle imprese minori (cioè quelle che possono tenere la contabilità semplificata, in ragione dei ricavi conseguiti nell'anno precedente):

a) non esiste più il regime "per competenza" (è di fatto abrogato per i soggetti in contabilità semplificata)

b) essendo definitivamente sostituito dal regime "per cassa" (che l'unico applicabile dal 2017).

Chi volesse permanere nell'ambito del regime di competenza dovrà obbligatoriamente optare per la "contabilità ordinaria", con tutti gli obblighi conseguenti.

Quanto si potrà, al contrario fare, per le contabilità semplificate è esercitare l'opzione prevista dal nuovo comma 5 dell'art. 66 Tuir (vincolante per almeno un triennio), secondo la quale l'evento finanziario (cioè il pagamento per le spese e l'incasso per i ricavi) si presume essere intervenuto nel momento "di registrazione"; non si tratta di tornare a regime di competenza, ma si eviterà di gestire le partite finanziarie.  
Non è poi chiaro se il DM attuativo (previsto come "possibile" dal comma 23 dell'art. 1 Legge di stabilità 2016) possa introdurre dei vincoli in capo al contribuente sul termine di "registrazione" (posto che sarebbe facile fare degli "arbitraggi" sul reddito, non annotando una fattura di acquisto).

Riproduzione riservata.

Dettagli:

Pubblicato il:
15-12-2016 17:36
Categoria:
Le risposte ai Quesiti